Sa Die de Sa Sardigna_2019

sa-die-1.jpeg

Ogni anno, il 28 aprile, in tutta la nostra Isola si festeggia “Sa Die de Sa Sardigna”, dove le iniziali maiuscole ci stanno proprio bene, perché è il giorno più importante, perché per i sardi la Sardegna è la cosa più importante.

sa-die2.jpeg

A dispetto di chi, in continente ed in passato, l’ha ricordata per gli assassini e per i sequestri; a dispetto di chi vorrebbe inviarvi la spazzatura e le scorie nucleari della nazione padrona; a dispetto di chi pensa solo a lei d’estate e per le spiagge.

2008-12-dic-08_1-parte-069.JPG

Si, anche io - d’origine pisana - ogni anno la festeggio e tutto l’anno mi accorgo di quante ingiustizie questa terra sopporta, non a causa della gente comune, ma per colpa di tanti politici che non vogliono valorizzarla, se non per venirci al mare in canottiera.

sa-die3.jpeg

E dopo questo mio sfogo, vengo a presentarla, cliccate qua

“La festività vuole ricordare la sommossa dei vespri sardi del 28 aprile 1794 che costrinse alla fuga da Cagliari il viceré Vincenzo Balbiano e i funzionari sabaudi, in seguito al rifiuto di soddisfare le richieste dell’allora Regno di Sardegna per riservare ai sardi le cariche pubbliche, un Consiglio di Stato a Cagliari, vicino alla sede del viceré e l’istituzione a Torino di un Ministero per gli affari della Sardegna. Rientrata la rivolta, alcune richieste furono accolte nel 1796″ (fonte Wikipedia)

422705_355419924536890_608079698_njpg.jpeg

Un video bellissimo ricostruisce praticamente tutto! Cliccate qua

Per conoscere tutte le manifestazioni, vi basterà inserire “Sa Die” su un qualsiasi motore di ricerca: basta digitare “Sa Die”, perché di questa festa - in tutto il mondo - ce n’è una sola ed è la nostra.

In ogni caso, un ottimo sito “Fondazione Sardinia” pubblica il programma completo: vi basterà andare al sito, oppure ve lo indirizziamo noi, cliccate qua

sa-die-4.jpeg

Buona “Sa Die” a tutti i sardi, me compreso


Lascia un commento

WP-SpamFree by Pole Position Marketing