ab5.jpg

E’ nato tutto per caso, dalla lettura - in internet - dei probabili rischi derivanti dalla pasta prodotta con grano “extra europeo”.

ava.jpg

Se, fino a qualche tempo fa, sulle etichette della pasta (ma anche dell’olio e dei pomodori pelati), trovavamo scritto “provenienza: Italia e paesi UE” (cioè delle nazioni facenti parte dell’Unione Europea), ultimamente - a questa dicitura si è aggiunto anche “paesi extra UE”, cioè, praticamente tutte le altre nazioni di questa nostra Terra.

Allora sarebbe corretto indicare quale nazione (o nazioni) extraeuropee producono quel grano, un pò come è d’uso comune indicare le “zone di pesca” indicate in alcune confezioni di pesce surgelato o inscatolato, giusto?

ab2.png

Allora no, a questo gioco non ci stiamo, cioè in qualche modo dobbiamo tutelare la nostra salute e, siccome la pietanza più comune in Italia è proprio la pasta, vogliamo vederci chiaro e - per non rischiare - da ora in poi cerchiamo e compriamo pasta prodotta con farina al 100% italiana.

ab4.jpg

Sgombriamo il campo, chiarendo che tutte le “grandi offerte” proposte dai supermercati o dagli stessi discount in realtà non sono offerte, ma prodotti fabbricati con materiale di dubbia provenienza, che già alle “catene di distribuzione” può costare meno, in quanto (grazie o per colpa della globalizzazione) è “extraeuropeo”!

ab3.jpg

Perciò, il consiglio che vi diamo è quello di indirizzarvi su pasta italiana al 100% (fin dal suo ingrediente fondamentale: il grano), aspettando il momento di una “reale offerta”.

ab61.jpg

Tanto premesso, eccovi la lista - le marche sono ben distinte ed in ordine alfabetico - con il prezzo che abbiamo realmente letto in ogni supermercato della nostra residenza (Cagliari, Sardegna).  

aaaaa1.jpg

Di stagione in stagione - come fatto per il file “Spesa intelligente” - andremo ad aggiornare il prezzo e la lista stessa, sperando che - almeno in futuro - sempre più pastifici decidano di usare soltanto farina italiana.

acas.jpg

Importante: se in questa lista non trovate alcune marche (ben conosciute), vuol dire che - anche se le abbiamo trovate esposte nei supermercati - non rispondevano al requisito fondamentale “prodotta al 100% con grano italiano” e - semmai ne abbiamo erroneamente omessa qualcuna - vi invitiamo a comunicarcelo, nello spazio delle note (qua sotto) o per email, grazie.

abas.jpg

 

Vi abbiamo detto tutto, adesso tocca a voi scaricare l’allegato (totalmente gratuito) e buona lettura…

          Cliccate qua 

                        freccia-giu.gif

  la-pasta-italiana_estate-2019.pdf

 

riga1.gif

aba1.jpg

Importante: a pagina 12 del noto mensile “Il Salvagente” (anno 27 numero 11, novembre 2018), possiamo trovare un’interessante analisi di quanto sopra detto…

Lo staff del mensile è a disposizione di chiunque volesse riceverlo (gratuitamente) ad un indirizzo di posta elettronica, cliccate qua

Ma non finisce qua, perché siamo in grado di fornirvi il video collegato a tale indagine, cliccate qua

Ed il video della trasmissione andata in onda su “Striscia la notizia”cliccate qua 

Ed ecco la classifica della pasta, pubblicata sul sito “Scatti di gusto”, cliccate qua